WKSI in Giappone

Tra l’Italia e il Giappone del Wado c’è di nuovo un filo diretto e ininterrotto. In qualità di branch ufficiale italiano la WKSI è ogni anno invitata al quartier generale Wado-kai a Tokyo

Il quartier generale della JKF Wado-kai a Tokyo, già quando era presieduto da Hironori Otsuka – il fondadote dello stile e della stessa Wado-kai – era un crocevia di maestri di karate Wado-ryu provenienti da tutto il mondo. Otsuka concepiva il Wado come un percorso di formazione individuale e sociale capace di favorire la salute e la piena realizzazione dell’individuo come parte di un’amplissima comunità: la comunità umana. Per diffondere il Wado-ryu nel mondo Otsuka inviò i suoi allievi nelle più importanti nazioni dei cinque continenti. In Italia vennero i maestri Atsuo Yamashita, Iwao Yoshioka e Yutaka Toyama. Fu quest’ultimo a lasciare l’impronta più forte, sia per le sue grandi qualità tecniche e organizzative, sia per l’impegno e la costanza con cui, per quasi un ventennio, disseminò e fece crescere il Wado nel nostro paese. Toyama fondò e guidò il branch italiano della Wado-kai dal 1968 al 1987 e in quegli anni i viaggi di aggiornamento in Giappone erano all’ordine del giorno. Ma quando Toyama lasciò definitivamente il nostro paese, il filo che legava l’Italia del Wado al quartier generale di Tokyo, di fatto, si spezzò. Uno dei motivi per cui la WKSI è nata è per ripristinare quel legame.

Ogni anno, in febbraio, la JKF Wado-kai organizza un seminario e due sessioni d’esami, della durata totale di una settimana, rivolti esclusivamente agli Overseas Branches, ovvero alle divisioni della federazione che operano al di fuori del Giappone. In quella settimana di febbraio, la Commissione Tecnica della JKF Wado-Kai, guidata dal maestro 8° dan Hideho Takagi, si dedica esclusivamente ai praticanti e ai tecnici di questi branch, tra i quali c’è la nostra WKSI. Le due sessioni d’esami, presieduti dalla stessa Commissione, sono dedicate agli avanzamenti di grado dal 4° all’8° dan e all’acquisizione delle qualifiche tecniche di Istruttore JKF Wado-kai. È una grande occasione formativa che, al lavoro, unisce anche il piacere di visitare uno dei paesi più belli e affascinanti del mondo. La WKSI infatti, in occasione dei Seminari per gli Overseas Branches, organizza viaggi di studio in Giappone che non trascurano l’aspetto turistico-culturale, prevedendo tappe anche in altre città rilevanti nella storia artistica, culturale e marziale del Giappone.

Alcuni scatti del viaggio del 2017

WKSI – Wadokai Karatedo Shin-Gi-Tai Italia

Japan Karatedo Federation Wado-kai – branch n° 424004

Wado-ryu Karatedo

Il Wado-ryu è uno stile giapponese che unisce i principi del karate e del jujutsu. Wado-ryu significa Stile della Via della Pace/Armonia.

JKF Wadokai

La più importante organizzazione internazionale di Wado-ryu, fondata nel 1934 da Hironori Otsuka, con oltre 850.000 iscritti nel mondo.

Abili al karate

Abili al Karate è il progetto permanente della WKSI sul karate inclusivo. Affinché i benefici del karate siano davvero per tutti.

Associazione WKSI

Branch della Japan Wado-Kai. L’unica, in Italia, riconosciuta e autorizzata dalla più grande federazione internazionale di Wado-ryu.

Statuto del Budo

Attraverso l'allenamento fisico e mentale, il praticante sviluppa carattere, capacità di giudizio e spirito di collaborazione.

Int. Instructors Seminar 2018

Un workshop di tre giorni condotto da Roberto Danubio, 7th JKF Wadokai, rivolto esclusivamente agli istruttori di karate. Nella Città Eterna.

Laboratorio Wadokai

Workshop mensile per tutti gli amanti del Wado-ryu sul curriculum tradizionale Japan Wado-kai e sul kumite sportivo.

Summer Camp WKSI

Tre giorni nel Parco Nazionale d'Abruzzo, il primo weekend di giugno, immersi nella natura, nel relax e nel Karate Wado-ryu.

WKSI in Giappone